CIE – L’altra faccia della sicurezza


Questo articolo è stato fermo per mesi come bozza, oggi mi sono deciso a scrivere qualche riga di presentazione per un video che merita sicuramente un’occhiata.

C.I.E. – L’altra faccia della sicurezza, è un documentario sui Centri di identificazione ed espulsione, veri e propri campi di prigionia legalizzati.

A prescindere dalle violenze ed abusi consumati al loro interno, la loro stessa esistenza dovrebbe essere motivo di vergogna per ogni persona, la dimostrazione che non abbiamo imparato nulla dagli errori/orrori passati, e abbiamo dimenticato troppo in fretta i tempi in cui eravamo noi ad emigrare in cerca di un lavoro e una vita dignitosa.

A questo indirizzo potete vedere il documentario: http://www.megavideo.com/?v=W9Z10S9I

Vorrei concludere con una citazione di Primo Levi:

A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che «ogni straniero è nemico». Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; si manifesta solo in atti saltuari e incoordinati, e non sta all’origine di un sistema di pensiero. Ma quando questo avviene, quando il dogma inespresso diventa premessa maggiore di un sillogismo, allora, al termine della catena, sta il Lager. Esso è il prodotto di una concezione del mondo portata alle sue conseguenze con rigorosa coerenza: finché la concezione sussiste, le conseguenze ci minacciano. La storia dei campi di distruzione dovrebbe venire intesa da tutti come un sinistro segnale di pericolo.

Annunci
Video | Questa voce è stata pubblicata in News, Parole e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a CIE – L’altra faccia della sicurezza

  1. madpack ha detto:

    Questo er aun post che ci voleva. Un argomento spinoso e delicato. Invito anche io tutti a documentarsi su questa vergogna che si protrae ormai da molto tempo, prima si chiamavano CPT, ma era la stessa cosa in fondo, e prima ancora…

  2. patrizia rizzo ha detto:

    quando terminerà questa dose di ragioni per cui INDIGNARSI? resistiamo e facciamolo , TUTTI, qualcosa deve cambiare se in tanti lo vogliamo, ci crediamo , agiamo

  3. Grazie per la segnalazione! Sul tema della “paura dell’altro” e sull’uso e abuso dell’immigrato per conquistare consensi politici avevo scritto un post dopo aver visto il film Terraferma. http://labambinacolpalloncino.wordpress.com/2011/09/26/sperduti-e-spaesati-nel-paese-di-terraferma/

  4. rollopack ha detto:

    ilfattoquotidiano.it: La Ue sul caso francese: “Illegale incarcerare i clandestini che attendono l’espulsione”.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/13/lunione-europea-caso-francese-illegale-incarcerare-clandestini-attendono-lespulsione/177073/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...